Bio

Yvonne Sciò, è un’ attrice e regista dalla formazione ricca e variegata, maturata fra Italia, Francia, Spagna e Stati Uniti, dove ha vissuto per molti anni. Con 45 film all’attivo e quattro lingue parlate è una delle attrici più internazionali del panorama cinematografico italiano. Le sue capacità come interprete drammatica e comica derivano dalle sue radici nella scena teatrale e nel cinema italiano di qualità. Fondamentali in questo senso i workshop a Los Angeles, allo Strasberg Institute e con Michele Danner, e il palcoscenico calcato in giro per l’Italia sotto la regia di Monicelli ( “Le Relazioni pericolose” al fianco di Laura Morante e Dominique Sanda). Il grande successo televisivo era invece arrivato nel 1992 con Non è la Rai, la fortunata trasmissione di Gianni Boncompagni.

Sul grande schermo Yvonne Sciò ha esordito con “Stasera a casa di Alice” (1990) di Carlo Verdone. Da quel momento si è costruita una carriera scegliendo progetti che : “Rappresentino una sfida. Un film per interessarmi deve trasmettermi qualcosa di nuovo”. Perciò negli anni Novanta la troviamo in film come “ A che punto è la notte” di Nanni Loy con Marcello Mastroianni ed Ennio Fantastichini, “Zuppa di pesce” della Infascelli, “Sabato italiano” e “Passport to Paris”.
In seguito la sua recitazione versatile le ha permesso di venire scelta per importanti produzioni televisive americane come “The Nanny”, “La femme Nikita” e “Boy meets World”. Esperienze inprescindibili per un attore di formazione europea che voglia confrontarsi con Hollywood e dintorni: “Lavorare in una serie tratta da un romanzo di Stephen King come “Rose red” mi ha insegnato che anche lavorando a grandi progetti bisogna rimanere umili. L’umiltà in questo lavoro ti aiuta a crescere umanamente e professionalmente”.

Nel corso della sua carriera Yvonne e’ stata, inoltre, immortalata da alcuni dei grandi maestri della fotografia internazionale tra i quali Helmut Newton, Willy Rizzo e Juergen Teller. Convinta pero’ di non doversi fermare mai , nel 2005 si sposta a Madrid per essere la protagonista di “Torrente 3: El protector”, nuovo capitolo di una saga amatissima che ha raggiunto la vetta del box-office. In seguito ha partecipato a “Brothel”, piccolo gioiello indipendente made in Usa. Nel 2006, tornata in Italia, è nel cast de “La Masseria delle Allodole”, tratto dal best –seller di Antonia Arslan e diretta dai Fratelli Taviani e successivamente è la co-protagonista de “Il Nascondiglio” del maestro Pupi Avati. Nel 2007 recita ,invece, diretta da Riccardo Scarchilli in “Scrivilo sui muri”.

 

A luglio del 2008 Yvonne diventa mamma di Isabella Beatrice e decide di prendersi una pausa per dedicarsi completamente alla sua bambina. Ritornata per un breve periodo negli Stati Uniti per partecipare ad alcuni progetti teatrali, Yvonne è ora in Italia dove sta vivendo una nuova maturità artistica in qualità di regista e produttrice: “Roxanne Lowit Magic Moments”, documentario sulla vita della famosa fotografa Roxanne Lowit, e “Seven Women” dedicato a sette donne straordinarie.

Download

Yvonne Sciò’s development is rich and diversified; she lived for many years in the United States and then Italy, France and Spain. The Premium Italian Theatre scene is the foundation of her capability as a dramatic actor as much as comedian. The workshops in LA, at the Strasberg Institute and with Michele Danner, and the stages all around Italy under Mario Monicelli ‘s direction (in “Le Relazioni Pericolose” with Laura Morante and Dominique Sanda) have been essential.

In 1992 thanks to “Non è la RAi” a television show created by Gianni Boncompagni she reached national fame.

She has been introduced on the Silver Screen in “Stasera a casa di Alice” (1990) directed by Carlo Verdone. About her projects she said: “They need to be a challenge. A movie to catch my attention needs to say something new”.

In the ’90 we can find her in movies like “Zuppa di pesce” directed by Infascelli, “Sabato Italiano” and “Passport to Paris”.

Thanks to her eclectic talent Yvonne worked in many important production for the American television like “The Nanny”, “Boy meets the World” and the Canadian “La femme Nikita” about her Hollywood experience she said: “While working on a big production like the adaptation of Stephen King “Red Rose” I have learned the importance of being humble. Humility is what helps you to grow as Human been and as Artist “.

In 2005, without any real break, Yvonne moved to Madrid for “Torrente3: El protector” new chapter of a really loved saga and a box office success, than was the time of a little American independent gem “Brothel”.

In 2006, she made her way back to Italy, for Taviani’s “La Masseria delle Allodole, adaptation of the best seller with the same title, written by Antonia Arslan, later is co-lead in “Il Nascondiglio” by Pupi Avati. In 2007 she is directed by Riccardo Scarchilli for “Scrivilo sui muri”. In July 2008 she became mother for the first time of a baby girl named Isabella Beatrice and she naturally took a break to be a mom.

She came back for a short period on the American stage and then she moved to Italy where she is working in Independent productions. Yvonne is also producing for Web and Television, notably a beautiful interactive fairy tale “The Velveteen Rabbit” , which can be downloaded for free for IPad on ITunes platform and the documentary “ Roxanne Lowit magic Moments” about successful career of Roxanne Lowit , fashion and celebrities photographer.

Download